Simone De Feo

Da informatico a maestro gelatiere

Sabato 21 gennaio 2017 — Musica, birra, tatuaggi, ma soprattutto gelato. Sono questi gli interessi di Simone De Feo approdato al mondo della gelateria dopo aver deciso che nella vita ci vuole passione, anche nel proprio lavoro. 

Dalla carriera di informatico a quella di maestro gelatiere il passo è breve: si licenzia e inizia a coltivare sempre di più il suo spirito gourmet finché rileva con la sua compagna Monica Fantuzzi la storica gelateria locale, il Capolinea, che con loro diventa Cremeria Capolinea. E’ il settembre del 2010. 

“Da appassionato di gelato dovevo capire che differenza c’era tra un gelato buono e uno cattivo e mi sono reso conto che è possibile farlo solo entrando in laboratorio”.

Con lo spirito di chi vuole andare oltre agli schemi e costruirsi un proprio percorso professionale indipendente, Simone frequenta numerosi corsi e tra le varie scuole di pensiero del settore sceglie la propria: produrre gelato naturale, fatto con ingredienti selezionati, possibilmente del territorio, filiera corta e processi artigianali, senza però voltare le spalle alla tecnologia e alle innovazioni. 

Per due anni dall’apertura sperimenta ricette e metodologie di lavoro: produce, assaggia, cambia le bilanciature e torna a banco con un gelato uguale negli ingredienti ma sempre diverso nel sapore. Cerca la sua strada mettendo in discussione tutto quello che gli viene insegnato e continua a ridefinire la sua personale ricetta per il gelato, confrontandosi anche con i grandi maestri del settore come Gian Francesco Cutelli della gelateria De’ Coltelli di Pisa, Andrea Soban, Alberto Marchetti o Paolo Brunelli. Ascolta, apprende, sperimenta e poi arriva alla conclusione che

“Fare il gelato è un lavoro concettuale: bisogna metterci cultura, sensibilità, conoscenza. Fare il gelato è un po’ come comporre: non basta saper suonare uno strumento per essere un musicista.”

Le collaborazioni e la partecipazione agli eventi nazionali

Simone De Feo collabora con importanti brand del mondo della gelateria e della pasticceria e partecipa a varie manifestazioni nazionali come lo Sherbet Festival di Palermo o il Festival del Gelato di Agugliano (Arezzo). In occasione del Salone del Gusto di Torino è stato coinvolto insieme ai migliori gelatieri d’Italia alla Via del Gelato organizzata dalla Compagnia dei Gelatieri fondata dai maestri Marchetti, Soban e Brunelli. E’ arrivato primo nella classifica 2016 di Dissapore dedicata alla migliore gelateria italiana.


L’attività di consulenza

Oltre alla produzione in laboratorio, Simone De Feo svolge consulenze per aziende e privati. Grazie alla sua preparazione, i suoi corsi sono finalizzati a formare professionisti del gelato che vogliano aprire punti vendita o nuovi format. I  temi affrontati sono: gestione della gelateria, il mondo del gelato, le materie prime, gli zuccheri, le basi, le tecniche di bilanciamento, la produzione, gli strumenti. 

Simone De Feo
Simone De Feo